web statistics
Corpi Flessibili2017-02-03T12:23:59+00:00

Simcenter 3D : Corpi Flessibili

Comprendere gli effetti dell’elasticità delle parti sulle prestazioni del meccanismo

La simulazione cinematica tipica utilizza la rappresentazione dei meccanismi utilizzando l’ipotesi di corpi rigidi. Questo approccio è accettabile per una progettazione generale, ma in molti casi i corpi rigidi non rappresentano accuratamente tutte le parti e gli assiemi coinvolti. Di conseguenza, si corre il rischio di non riuscire a prevedere correttamente le prestazioni, perché la simulazione cinematica di rigido corpo non è in grado di rappresentare correttamente certi comportamenti dinamici. Utilizzando una formulazione di corpo flessibile è possibile analizzare insieme la deformazione elastica e il moto della catena cinematica corpo rigido. Questo permette una comprensione più accurata delle prestazioni della parte nel contesto del meccanismo.

Simcenter 3D consente ai progettisti e agli ingegneri di investigare le prestazioni del progetto realizzando modelli molto fedeli che combinano la deformazione elastica e il moto del corpo rigido. Includere la flessibilità della parte nel modello può aiutare la comprensione dei fenomeni meccanici quando le condizioni di analisi includono impatti e/o variazioni di movimento improvvise, o quando il componente è abbastanza flessibile per influenzare il movimento del meccanismo.

Analisi del Movimento con Corpi Flessibili

L’analisi del movimento con corpi flessibili fornisce un livello di comprensione delle prestazioni del prodotto che potrebbe non essere raggiungibile attraverso la sola analisi con corpi rigidi. Considerare la flessibilità dei corpi permette una valutazione più approfondita e completa del meccanismo.

Flusso di Analisi Efficiente

Il flusso di lavoro implementato in Simcenter 3D per eseguire l’analisi di dinamica con corpi flessibili è molto semplice. All’interno di Simcenter 3D si definiscono uno o più componenti del meccanismo come flessibili. NX sostituirà i componenti rigidi con modelli ad elementi finiti equivalenti che permettono di considerare la loro rigidezza. Dietro le quinte, NX Nastran esegue l’analisi di condensazione dei superelementi, che permette di rappresentare nel modello dinamico il contributo statico e dinamico del componente, attraverso le sue forme modali.